Recensione de “Il Divoratore” di Silvia Robutti

“Il Divoratore” è un racconto lungo scritto da Silvia Robutti e pubblicato a Dicembre 2019 da Delos Digital, nella collana “Robotica”.

Il genere è difficile da collocare, un misto tra fantascienza e fantasy, in un universo sporco e putrido, con una protagonista insolita da seguire e per cui tifare. Smell, la nostra eroina, svolge infatti un lavoro singolare: si occupa di andare in giro per pianeti a rintracciare per il suo capo, il Divoratore, la S.O. (Sostanza Organica), che permette a questi di essere “ricco” e influente. La storia inizia proprio con Smell che arriva su un pianeta molto promettente, le cui rilevazioni mostrano dati interessanti; peccato solo che le altre tre squadre di esplorazioni siano misteriosamente scomparse.

Lo stile di Silvia Robutti è crudo, immediato e contribuisce a coinvolgere e a creare un ritmo avvincente. I personaggi (che sembrano un omaggio a Game of Thrones) sono intensi, trattati con empatia ma senza sconti: Smell non è idealizzata, non è bella né in qualche modo piacevole, eppure è affascinante e vera.

L’ambientazione ricorda un po’ quella di Star Wars con le esplorazioni di pianeti, ma l’incontro con gli alieni è trattato in modo diverso, con grande spazio alle creature non antropomorfe.

In conclusione, un racconto brillante con bei personaggi e una storia interessante: come tutti i libri di Silvia Robutti, assolutamente consigliato!

Il divoratore di Silvia Robutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: