Review of “Such a fun age” by Kiley Reid/ Recensione di “Such a fun age” di Kiley Reid

La recensione è presente in doppia lingua (l’italiano segue)

“Such a fun age” is a Kiley Reid’s debut novel, published in 2019. It has been critically acclaimed and its TV development has already been announced.

Emira Tucker is a 26-year-old black girl in Philadelphia who works as a part-time babysitter for the Chamberlains, a rich white family, looking after their 3-year-old girl. After an episode of racism when Emira is accused by a security guard to have kidnapped the girl, Alix Chamberlain suddenly becomes very interested in her and hopes to become friends, by inviting her to drink wine together, spying her phone lock screen to figure out her musical taste, fantasizing about Emira understanding that Alix actually cool and not racist at all.

Meanwhile Emira starts a relationship with Kelley, a white guy that filmed her being accused by the guard, who surrounds himself with black friends only and, it turns out, is Alix’s ex-boyfriend from high school. The two had left on very bad terms.

When Alix and Kelley meet again, they start a war for Emira’s affections, while accusing the other of being the real racist.

The book is a satire that focuses on well-intentioned white people who, trying to prove how non-racist they are, make racism all about themselves and their reaction to it, while not letting actual black people speak for themselves.

Both Alix and Kelley openly tell Emira what she should do while failing to see what really worries her- her lack of a definite path for her future, her parent’s health insurance about to not cover her anymore etc.

The novel is fast-paced and easy to read and it has some very poignant moments that no doubt have resonated with its American audience.

Rationally I understand that it’s a very sharp critique to white liberals and their inability to fight systematic racism while making it their vanity project.

I really, really wanted to like this book and yet, perhaps because I’m Italian, I found many parts of it very annoying.

First of all, coming from the land of “bamboccioni” (adults still living with their parents, being financially dependent on them), I didn’t see the big deal about Emira still not having her whole career figured out at 26, and I thought her friends shaming her for it were not very good friends at all, despite the narration going lengths to show their relationship as the only valid one.

But what really annoyed me was the difference of treatment between Alix and Kelley in the narration.

Despite Emira acknowledging that both of them were right about the other, there’s a venom in Alix’s portrayal that is exaggerated to the point of sounding uncalled for.

In the narration she is presented as a privileged white blogger who built a platform and a career writing letters asking for freebies and getting them. She built her own business centered on female empowerment called “Let Her Speak”; of course, it’s meant to be symbolic of her entitlement and how she easily obtained all that she wanted and it’s ironic that she built a career about encouraging women to be heard while simultaneously silencing Emira.

But in the novel she is constantly depicted as gross and cringey for, in my opinion, all the wrong reasons: for example, there are constant remarks about her weight, while, in contrast, there’s a lot of emphasis of Emira being skinny. There’s a particularly humiliating scene in which she’s lonely in a new city and when she finally sees her friends they give her a brutal “wake up call” about how she has not yet lost the weight after having her second baby (who is merely a few months old).

She is depicted as unlikeable and gross for, ultimately, being an older woman having a crush on her kid’s young babysitter.

The novel tackles the issue of black women being hired as domestic help and the emotional labour needed to perform the job, which seems to be inherently exploitative.

Alix basically is considered a bad mother for hiring a babysitter three afternoons a week so she can work on her book, while taking care of her newborn herself (but that apparently doesn’t count because the kid is very quiet so “it’s like not having her at all”. Seriously?! That’s NOT how newborns work!).

Meanwhile, men get an automatic free pass- the fact that Alix needs to hire someone to be able to work because her husband doesn’t do any kind of child care is taken for granted and he is depicted as a benign, goofy presence.

All through the novel, Alix’s job is depicted as a vanity project and in the end she needs to be “put back in her place”: Emira shames her for being a bad mother and her endeavors for Clinton’s campaign of course end up with the candidate’s defeat; Alix is publicly humiliated by Emira on live TV and when we see her in the end she is taking care of her children and there’s no mention of her platform or business anymore, implying that Clinton’s defeat had made her irrelevant.

Emira thinks that she has “the potential for being a good mother” because she often sees her being affectionate towards her toddler but she isn’t like all the time: basically she is shamed for not being perfect 24/7, which I thought was a very unfair and childish view of motherhood.

I thought the author’s view of care work was very hypocritical: Emira is understandably angry that her friends not consider her job as important as theirs and she thinks that she would never tell her friend that she has “only” worked as a nurse the whole day; simultaneously, though, she expects Alix to do unpaid domestic care work raising two kids 100% of the time and never show any dissatisfaction.

The difference of treatment with Kelley is blatant: he is a privileged white man who fetishizes black people and uses them as a prop to show how cool he is, but, contrarily to Alix, who is humiliated and defeated on all levels, there is never any sort of “punishment” for him in the narration: he’s always ultimately right, good looking and charming, to the point that even at the peak of their fight, Alix still thinks he’s so handsome and strives for his approval.

The final flashback that absolves him from his high school mistreatment of Alix and shows that it had been her fault all the time was the last straw that made me completely dislike the book.

Also, in the novel there’s never any positive example of an interracial interaction: white people are only nice to black people because they want to appear progressive; black people befriending white people are “Uncle Toms” (sic). At times, it sounded like the author was promoting complete racial segregation as the only valid solution for American society.

I really wanted to like this book and rationally I understand its relevance for an American audience; however, it didn’t resonate with me at all, and in the end all that I could concentrate on was its misogynist stereotypes.

“Such a fun age” è un romanzo di debutto di Kiley Reid, pubblicato nel 2019 negli Stati Uniti ma non ancora disponibile in italino. È stato acclamato dalla critica e il suo sviluppo televisivo è già stato annunciato.

Emira Tucker è una ragazza nera di 26 anni di Philadelphia che lavora come babysitter part-time per i Chamberlain, una ricca famiglia bianca, occupandosi della loro bambina di 3 anni. Dopo un episodio di razzismo, in cui Emira viene accusata da una guardia giurata di aver rapito la bambina, Alix Chamberlain diventa improvvisamente molto interessata a lei e spera di diventare sua amica, invitandola a bere vino insieme, spiando il suo lock screen del telefono per capire i suoi gusti musicali, fantasticando su Emira che riconosce che Alix in realtà è cool e per niente razzista.

Nel frattempo Emira inizia una relazione con Kelley, un ragazzo bianco che l’ha filmata mentre veniva accusata dalla guardia, che si circonda solo di amici neri e, si scopre, è l’ex fidanzato di Alix al liceo. I due si erano lasciati in pessimi rapporti.

Quando Alix e Kelley si incontrano di nuovo, iniziano una guerra per l’affetto di Emira, accusandosi l’un altro di essere il vero razzista.

Il libro è una satira che si concentra sulle persone bianche ben intenzionate che, cercando di dimostrare quanto non siano razziste, riducono il problema del razzismo sistematico alla loro reazione ad esso, mentre non lasciano che le persone nere reali parlino per loro stesse.

Sia Alix che Kelley dicono apertamente a Emira cosa dovrebbe fare, mentre non riescono a vedere cosa la preoccupa veramente – la mancanza di un percorso definito per il suo futuro, l’assicurazione sanitaria dei suoi genitori che sta per non coprirla più ecc.

Il romanzo è veloce e facile da leggere e ha alcuni momenti molto toccanti che senza dubbio hanno avuto rilevanza con il pubblico americano.

Razionalmente capisco che è una critica molto acuta ai liberali bianchi e alla loro incapacità di combattere il razzismo sistematico facendone un progetto di vanità.

Volevo davvero che questo libro mi piacesse eppure, forse perché sono italiana, ho trovato molte parti molto fastidiose.

Prima di tutto, venendo dalla terra dei “bamboccioni”, non mi sembrava che fosse un grosso problema che Emira non avesse ancora impostato tutta la sua carriera a 26 anni, e ho pensato che le sue amiche che la facevano vergognare per questo non fossero affatto buone amiche, nonostante la narrazione si sforzasse di mostrare il loro rapporto come l’unico positivo.

Ma ciò che mi ha veramente infastidito è stata la differenza di trattamento tra Alix e Kelley nella narrazione.

Nonostante Emira riconosca che entrambi avevano ragione sull’altro, c’è un veleno nel ritratto di Alix che è esagerato al punto da sembrare fuori luogo.

Nella narrazione è presentata come una blogger bianca privilegiata che ha costruito una piattaforma e una carriera scrivendo lettere in cui chiedeva omaggi e li otteneva. Ha costruito il suo business incentrato sull’empowerment femminile chiamato “Let Her Speak”; naturalmente, è inteso come simbolo della sua presunzione e di come ha ottenuto facilmente tutto ciò che voleva, ed è ironico che abbia costruito una carriera sull’incoraggiare le donne ad essere ascoltate mentre contemporaneamente mette a tacere Emira.

Ma nel romanzo lei è costantemente raffigurata come disgustosa e sfigata per, secondo me, tutte le ragioni sbagliate: per esempio, ci sono continue osservazioni sul suo peso, mentre, al contrario, c’è molta enfasi sul fatto che Emira sia magra. C’è una scena particolarmente umiliante in cui lei è sola in una nuova città e quando finalmente vede le sue amiche queste le danno una brutale “svegliata” su come non ha ancora perso peso dopo aver avuto il suo secondo bambino (che ha solo pochi mesi).

Viene dipinta come antipatica e disgustosa per essere, alla fin fine, una donna più vecchia che ha una cotta per la giovane babysitter della figlia.

Il romanzo affronta la questione delle donne nere che vengono assunte come collaboratrici domestiche e il lavoro emotivo necessario per svolgere questo lavoro, che sembra essere intrinsecamente sfruttamento.

Alix è considerata una cattiva madre per aver assunto una babysitter tre pomeriggi a settimana in modo da poter lavorare al suo libro, mentre lei stessa si prende cura della sua neonata (ma questo apparentemente non conta perché la bambina è molto tranquilla ed “è come non averla affatto”. Davvero?! NON è così che funzionano i neonati!).

Nel frattempo, gli uomini ottengono un lasciapassare automatico – il fatto che Alix abbia bisogno di assumere qualcuno per essere in grado di lavorare perché suo marito non svolge alcun tipo di cura dei bambini è dato per scontato e lui è raffigurato come una presenza benigna e goffa.

Per tutto il romanzo, il lavoro di Alix è dipinto come un progetto di vanità e alla fine ha bisogno di essere “rimessa al suo posto”: Emira la fa vergognare per essere una cattiva madre e i suoi sforzi per la campagna di Clinton finiscono naturalmente con la sconfitta della candidata; Alix viene umiliata pubblicamente da Emira in diretta TV e quando la vediamo alla fine si sta prendendo cura dei suoi figli e non si parla più della sua piattaforma o dei suoi affari, implicando che la sconfitta di Clinton l’ha resa irrilevante.

Emira pensa di avere “il potenziale per essere una buona madre” perché la vede spesso essere affettuosa verso le sue bambine, ma non lo è per tutto il tempo: fondamentalmente viene fatta vergognare per non essere perfetta 24 ore su 24, 7 giorni su 7, cosa che ho pensato fosse una visione molto ingiusta e infantile della maternità.

Ho pensato che la visione dell’autrice del lavoro di cura fosse molto ipocrita: Emira è comprensibilmente arrabbiata che le sue amiche non considerino il suo lavoro importante quanto il loro e pensa che lei non direbbe mai alla sua amica che ha “solo” lavorato come infermiera tutto il giorno; contemporaneamente, però, si aspetta che Alix svolga un lavoro di cura domestica non pagato crescendo due bambine per il 100% del tempo e non mostri mai alcuna insoddisfazione o stress.

La differenza di trattamento con Kelley è lampante: lui è un bianco privilegiato che feticizza le persone di colore e le usa come un oggetto di scena per mostrare quanto è figo, ma, al contrario di Alix, che è umiliata e sconfitta a tutti i livelli, non c’è mai nessun tipo di “punizione” per lui nella narrazione: alla fine ne esce sempre come quello che ha ragione, ed è bello e affascinante, al punto che anche al culmine della loro litigio, Alix pensa ancora che sia così bello e spera di avere la sua approvazione.

Il flashback finale che lo assolve dai suoi maltrattamenti del liceo nei confronti di Alix e mostra che alla fine era stata sempre colpa di lei è stata l’ultima goccia che mi ha fatto odiare il libro.

Inoltre, nel romanzo non c’è mai un esempio positivo di interazione interrazziale: i bianchi sono gentili con i neri solo perché vogliono apparire progressisti; i neri che fanno amicizia con i bianchi sono degli “Zio Tom” (sic). A volte, sembrava che l’autrice stesse promuovendo la completa segregazione razziale come unica soluzione valida per la società americana.

Volevo davvero che questo libro mi piacesse e razionalmente capisco la sua rilevanza per un pubblico americano; tuttavia, non mi è piaciuto per niente, e alla fine tutto ciò su cui riuscivo a concentrarmi erano i suoi stereotipi misogini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: