5 segni che l’editoria italiana continua a odiare i lettori

Continuano i nostri post allegramente polemici.

Questa è una riflessione sull’editoria italiana che abbiamo avuto.

1) il lettore non viene considerato nella fase di scelta di un manoscritto


Se siete mai stati in un circolo letterario o in un gruppo di lettori, vi rendete conto che quello che viene più richiesto dai libri sono originalità e differenziazione.
Se invece avete avuto a che fare con editori, vi avranno sicuramente risposto che cercano qualcosa di incasellabile in una categoria già nota.

2) la fascia che legge di più è quella giovane, adolescente

Eppure i libri italiani più premiati e pubblicizzati sono storie per adulti (che spesso nemmeno gli adulti vogliono leggere).
I più venduti, infatti, sono di stranieri tradotti.

3) non ci sono mai i sondaggi per lettori

L’editoria italiana è in crisi nera, ma difficilmente si cerca di ascoltare cosa il lettore vuole

4) … e quando l’editoria ascolta il lettore, lo critica

Se un libro vende tanto non si cerca di capire perché, ma si inizia a criticare il degrado culturale.

Il risultato che il lettore che acquista, legge e regge il mercato diventa il nemico.

5) il lettore va sempre guidato perché non capisce

Il lettore si sta orientando su diversi generi o prodotti provenienti da insoliti sistemi di pubblicazione? Meglio impedirgli di decidere, deve selezionare l’editoria cosa dovrebbe leggere o no (sì, la stessa che è in crisi da decenni… ma ehi, la sanno più lunga loro)

Foto: Robin Higgins di Pixabay

Una risposta a "5 segni che l’editoria italiana continua a odiare i lettori"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: