Recensione di “Un altro giro di smorfia- Vol 1” di Tania Dejoannon

“Un altro giro di smorfia” è una raccolta di racconti scritta e prodotta da Tania Dejoannon, uscita a fine novembre 2019.

Si tratta di una serie di storie che hanno come filo conduttore i numeri della smorfia napoletana, infatti per ogni numero trattato in questo volume vi è associato un racconto. Il progetto si propone molto ambizioso, in quanto dovrebbe trattare tutti e novanta i numeri della smorfia, anche se in questo primo volume ne troviamo solo undici:

22- Il matto

44- Il carcere

14- L’ubriaco

60- Si lamenta

5- La mano

48- Il morto che parla

72- La meraviglia

77- Le gambe delle donne

2- La bambina

56- La caduta

76- La fontana

Sebbene abbiano come filo conduttore il punto di partenza della smorfia, quindi un’attinenza con il significato attribuito ai numeri, troviamo un elemento che accomuna tutti i racconti, cioè il paranormale. In alcuni di questi assume connotazioni horror (per esempio ne “Il morto che parla”, “Il matto” e “La bambina”), in altri invece ha elementi tipici del fantasy (“Il carcere” o anche “La fontana”), in alcuni troviamo persino la distopia (è il caso dell’inquietante “Si lamenta”), ma in altri ancora si percepisce appena e si attribuisce il suo significato al destino (come ne “Le gambe delle donne”). Nonostante i racconti siano di fatto slegati tra loro, ho percepito un senso di unità dell’opera, come se si trattasse di tanti modi di vedere il mistero, con una componente onirica preponderante.

Alcuni racconti horror erano davvero inquietanti, anche se quello che ho trovato più terribile è stato sicuramente “Si lamenta”, con protagoniste due ragazzine in uno scenario desolato; quelli fantasy hanno sempre ambientazioni urban e pertanto potranno essere apprezzati anche da chi non ama il genere. Detto questo, i racconti che ho preferito sono stati quelli più di narrativa classica, come “La mano”, “Il matto” e “Le gambe delle donne”. Questi tre mi sono piaciuti davvero tanto e, in alcuni casi, mi hanno commosso, elemento ancora più apprezzato visto che si tratta di racconti brevi, per i quali non è scontato affezionarsi subito ai personaggi.

In conclusione, si tratta di una raccolta molto gradevole, dalla lunghezza contenuta e dal ritmo rapido e incalzante, che potrà essere apprezzata da quel tipo di pubblico appassionato di misteri in tutte le salse. Consigliato!

un altro giro di smorfia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: